Lo spazio letterario

ISBN 9788842822684
pagine: 302
€ 29,00

«Chi scava il verso incontra l’assenza degli dèi»: così Maurice Blanchot dà voce a chi ha avuto il privilegio e insieme la sventura di essere colpito dall’anatema della letteratura. Blanchot scende negli abissi della disperazione di Mallarmé, indaga le contraddizioni di un Kafka annientato dalla solitudine, scandaglia l’infinito mormorio della scrittura automatica surrealista, si smarrisce insieme a Rilke e al suo Orfeo, simbolo dell’orgogliosa trascendenza poetica.

Saggio di lapidaria verticalità filosofica, Lo spazio letterario si interroga sul significato dell’opera, sull’identità dello scrittore, sull’ispirazione poetica. Enigmi al cospetto dei quali, lo si avverte fin dalle prime pagine, Blanchot lotta come fossero i suoi demoni, con lucida ossessione, e che finisce per consegnare purificati alla loro nuda essenza. Il punto di partenza coincide con quello di arrivo, ovvero lo scacco dello scrittore: l’origine dell’opera è irraggiungibile per chi scrive e il desiderio di avvicinarne il centro diventa vocazione, imperativo, tormento, perché trascina in una regione estranea al mondo e a se stessi. Una regione in cui non si può dire «io», in cui bisogna abbandonare tutto e morire di morte anonima per dare alla luce un’opera che nel suo essere è già altro da sé.

Apparso nel 1955 e ora presentato dal Saggiatore in una nuova traduzione e con uno scritto di Stefano Agosti, Lo spazio letterario ha fatto del suo autore la punta di diamante della critica letteraria del Novecento e una figura di riferimento per intellettuali come Barthes, Foucault, Lacan e Derrida. Il suo fascino non manca ancora oggi di spalancare la riflessione sulla scrittura, sul difficile ruolo di chi si trova a duellare con l’impossibilità della parola, a spingersi in quell’esperienza che è incessante ricerca e mai approdo. Cancellato l’autore, destituito il lettore, quel che resta è il silenzio dell’opera.


Maurice Blanchot (1907-2003) è stato un romanziere, critico letterario e filosofo francese. Tra i suoi saggi più importanti si ricordano La scrittura del disastro (SE, 1990), La follia del giorno (Filema, 2001), Lautréamont e Sade (SE, 2003) e La conversazione infinita (Einaudi, 2015).

 

Rassegna stampa

Lo "Spazio letterario" è infinito[ Il Giornale - 31 maggio 2018 ]
La critica di Blanchot, l'invisibile[ Il Venerdì - 25 maggio 2018 ]
Orfeo nel labirinto di Blanchot[ Corriere della Sera - 17 aprile 2018 ]