ISBN 9788842828396 pagine: 184
€24.00 Acquista Amazon IBS Feltrinelli
Maurice Blanchot

La scrittura del disastro

«Leggere, scrivere, come si vive sotto la sorveglianza del disastro: esposti alla passività fuori passione. L’esaltazione dell’oblio. Non sarai tu a parlare; lascia parlare in te il disastro, non importa se attraverso l’oblio o il silenzio.» Ultima fra le opere teoriche di Maurice Blanchot, La scrittura del disastro risponde alla necessità di riflettere sul tema del linguaggio poetico e letterario che si era imposta imperiosa con Lo spazio letterario, ma che qui va oltre – «al di là» – il problema di dire ciò che è, al di là del bisogno di appagamento, al di là della descrizione di una totalità. È una ricerca che rompe questa totalità, che turba ogni cosa, e prima di tutto la scrittura. Ha a che vedere con l’interruzione, con la frammentazione, con la catastrofe. Con il disastro. La scrittura stessa allora si frantuma, soccombe a un’esigenza che non trova – che non cerca – la redenzione, ma un’altra possibilità di se stessa. La scrittura diventa qualcosa che porta al meno, all’oblio, al non detto, al mai cominciato. Blanchot recupera gli scrittori amati, antichi (Ovidio) e moderni (Kafka, Melville, Hölderlin), e si confronta con maestri del pensiero come Heidegger e Levinas, per scavare nella non possibilità della parola letteraria, nella possibilità del silenzio senza scopo. Sullo sfondo, Auschwitz, che rivela e mette a nudo «tutte le caratteristiche di una civiltà» e che impone di continuare a «vegliare, senza posa, sull’assenza smisurata». Con uno stile che, adattandosi al disastro, si fa fratto e ossimorico, Maurice Blanchot invita alla lettura chiedendole di rinnovarsi e continua la meditazione che ha praticato (e che lo ha guidato) per tutta la vita, scardinando quanto è venuto prima. Perché «c’è domanda, eppure nessun dubbio; c’è domanda, ma nessun desiderio di risposta; c’è domanda, e nulla che possa essere detto, ma solo da dire».

Maurice Blanchot

Maurice Blanchot (1907-2003) è stato un romanziere, critico letterario e filosofo francese. Tra i suoi saggi più importanti si ricordano La scrittura del disastro (SE, 1990), La follia del giorno (Filema, 2001), Lautréamont e Sade (SE, 2003) e La conversazione infinita (Einaudi, 2015).

scopri di più sull'autore

Rassegna stampa

Frammenti per una nuova semantica
Il Manifesto
07 febbraio 2021
La scrittura del disastro di Maurice Blanchot: libro difficile, letteralmente infinito
Gagarin Magazine
13 febbraio 2021
Blanchot, un filo rosso nell'umanità sbandata
Avvenire
12 marzo 2021
Scrivere sul disastro
Nazione Indiana
14 marzo 2021
I LIBRI DI WU – LA SCRITTURA DEL DISASTRO, MAURICE BLANCHOT
Wu Magazine
19 marzo 2021
La scrittura nel disastro. Topologia dell'afasia programmatica
Blow Up
03 maggio 2021
La scrittura nel disastro
Blow up
16 agosto 2022
LA SCRITTURA DEL DISASTRO DI MAURICE BLANCHOT: LIBRO DIFFICILE, LETTERALMENTE INFINITO
Gagarin orbite culturali
13 febbraio 2021
I LIBRI DI WU – LA SCRITTURA DEL DISASTRO, MAURICE BLANCHOT
WU magazine
19 marzo 2021
Scrivere sul disastro
Nazione indiana
14 marzo 2021
Blanchot. Frammenti per una nuova semantica
il manifesto
07 febbraio 2021
Blanchot, un filo rosso nell'umanità sbandata
Avvenire
12 marzo 2021

TUTTO IL CATALOGO

carrello

torna allo shop

Totale
Info spedizioni
€ 80,00
Checkout

Checkout

TORNA AL CARRELLO

RIEPILOGO

Astuccio “Primary” x 1
20.00€
Zainetto “Hikers Tale” x 2
20.00€
 
Sub-Totale (IVA inclusa)
40.00€
Spedizione

SPEDIZIONE

METODO DI PAGAMENTO
Totale
Info spedizioni
€ 80,00
 pagamento