Suite lirica

Scritti musicali e letterari
ISBN 978884282574
pagine: 632
€ 55,00

Personalità unica nell’ambiente artistico mitteleuropeo di inizio Novecento, alfiere di quanto di più moderno c’era nella sperimentazione musicale del suo tempo e insieme custode della tradizione romantica del xix secolo, Alban Berg è stato forse il più innovatore tra gli innovatori. Non ebbe una vita facile: a diciotto anni soffrì di una grave forma di depressione che lo portò a tentare il suicidio; nevrotico e ipocondriaco, di fronte all’iniziale diffidenza di una Vienna che non capiva la sua arte meditò di abbandonare la composizione e dedicarsi unicamente alla scrittura.

Se l’importanza di Wozzeck e Lulu nell’evoluzione della musica è infatti nota a tutti, pochi sanno che Berg fu anche un appassionato letterato: durante la sua tormentata adolescenza si cimentò nella scrittura teatrale, ispirandosi a Ibsen e Strindberg; sognava di diventare poeta e leggeva Goethe, Schopenhauer, Nietzsche; aveva un’innata e profonda sensibilità letteraria, che in lui si fondeva naturalmente con la musica, come se note e parole fossero un unico linguaggio. «Apparteneva a quel piccolo gruppo di musicisti che vedono gli uomini nello stesso modo degli scrittori» disse di lui Elias Canetti.

Analisi e saggi musicali, invettive, interviste, drammi, aforismi e acrostici dedicati agli amici Schönberg, Loos e Kraus: Anna Maria Morazzoni ha raccolto tutta l’opera critica e letteraria di Berg, composta in poco più di vent’anni, prima che una banale infezione mal curata lo portasse via, in una vigilia di Natale di metà anni trenta. Suite lirica è la vivida testimonianza del fermento culturale di un’epoca che stava vivendo gli ultimi anni di grandezza, ma anche e soprattutto il lascito intellettuale e umano di un gigante della musica, contemporanea e di sempre.


Alban Berg (1885-1935), esponente della Scuola di Vienna insieme ad Arnold Schönberg e Anton Webern, è fra i massimi compositori del Novecento.

 

Rassegna stampa

Una lettura indispensabile[ L'ape musicale - 2 marzo 2020 ]