Nuova età dell’oro

ISBN 9788842824237
pagine: 389
€ 24,00

Dei quindici anni più caldi mai avvertiti sul nostro pianeta quattordici si sono registrati nel xxi secolo. L’inquinamento da carbonio ha portato i gas serra ai picchi più alti dalla fine del Cretaceo. Una crisi finanziaria globale ha lasciato senza parole i cervelli meglio pagati al mondo. E ancora l’11 settembre, gli attacchi terroristici da Montreal a Manchester, la Brexit, i collassi nucleari, gli tsunami e gli uragani: di ragioni per pensare che tutto stia crollando ce ne sono parecchie.

Eppure Ian Goldin e Chris Kutarna sono sicuri: questa è la Nuova età dell’oro. Proprio come nel Rinascimento, nella nostra epoca c’è un terreno estremamente fertile per la fioritura del genio, perché in nessun altro momento storico il rapporto tra scienza e tecnologia è stato così stretto. Vincere le sfide del presente e superare lo shock continuo prodotto dalla collisione tra realtà e aspettative significa allora strutturare una strategia che, presupponendo il fattore rischio come elemento imprescindibile della natura del genio, attinga al passato per dirigere il presente e orientare il futuro.

Goldin e Kutarna ripercorrono quindi la storia delle scoperte geografiche, delle rivoluzioni scientifiche e artistiche che hanno caratterizzato l’età moderna e le confrontano con l’attualità: come Gutenberg e la stampa, Zuckerberg e i social media contribuiscono a diffondere la conoscenza; il crollo del muro di Berlino e la globalizzazione hanno abbattuto barriere e consentito di varcare confini prima invalicabili in misura pari alla scoperta di Cristoforo Colombo; i flussi migratori di oggi, spesso determinati da movimenti geopolitici radicati nella religione, ricordano quelli provocati in Europa dalla scissione tra Chiesa cattolica e Chiesa riformata.

Se è vero che il presente non è una ripetizione di quanto già accaduto, è pur vero che l’umanità non si reinventa a ogni generazione e che, a dirla con Machiavelli, per prevedere il futuro bisogna consultare il passato. Nuova età dell’oro è lo strumento necessario per conquistare una visuale più ampia, calibrare speranza e determinazione, promuovere un progresso finalmente sostenibile. Perché è tempo che economia e cultura entrino in un secondo Rinascimento.


Ian Goldin insegna Globalizzazione e sviluppo alla University of Oxford. È stato direttore della Oxford Martin School, vicepresidente della Banca mondiale e consigliere di Nelson Mandela. Tra le sue pubblicazioni più recenti si ricordano Divided Nations (2013), Is the Planet Full? (2014), The Butterfly Defect (2014) e The Pursuit of Development (2016).

Chris Kutarna è ricercatore in Scienze politiche e membro della Oxford Martin School.

 

Rassegna stampa

Il Rinascimento c'è ma non lo vediamo[ La Repubblica - 31 agosto 2018 ]
Un po' di ottimismo, questo caos ricorda il Rinascimento[ Il Fatto Quotidiano - 28 maggio 2018 ]
Il Rinascimento è già qui[ Corriere della Sera - 29 maggio 2018 ]
Muri e disuguaglianze frenano lo sviluppo[ Avvenire - 5 maggio 2018 ]
Mr Ottimismo[ Corriere Innovazione - 27 maggio 2018 ]
Mr ottimismo[ Corriere della Sera - 27 aprile 2018 ]
Il Rinascimento è qui e ora[ Il Sole 24 Ore - 25 marzo 2018 ]
Stiamo rinascendo?[ Internazionale - 9 marzo 2018 ]
Il futuro dell'umanità passa dal "secondo Rinascimento economico"[ Il Corriere del Mezzogiorno - 25 febbraio 2018 ]
Pessimista sarà lei[ la Repubblica - 18 febbraio 2018 ]