Lettere agli italiani

ISBN 9788842830986
pagine: 184

«Credo che oggi si debba avere fiducia non tanto nella società, quanto piuttosto nell’essere umano. Nell’individuo. Deve esserci un modo per vivere un po’ meglio.» Per tutta la vita Giorgio Strehler ha alternato alla carriera artistica l’impegno politico, con pari passione e ardore: oltre a essere stato un faro per la scena teatrale nazionale, infatti, per quasi mezzo secolo ha pubblicato articoli sui principali quotidiani italiani e ha militato nei partiti della sinistra, fino a essere eletto prima al Parlamento europeo e quindi al Senato, sempre intrecciando ai grandi eventi storici del secondo Novecento le proprie riflessioni e i propri vissuti.

Le Lettere agli italiani raccolgono il fiore di questa lunga esperienza da intellettuale pubblico, il suo pensiero sull’eredità della Resistenza, sull’emergere del razzismo, sulla fine dell’Unione Sovietica, sulla necessità di unire culturalmente l’Europa in «un nuovo Umanesimo europeo» ancor prima che a livello di istituzioni, su Tangentopoli e sul crollo della Prima Repubblica, sul bisogno di giustizia e sugli eccessi del giustizialismo. Quelle di Strehler sono considerazioni mai banali e sempre espresse con coraggio, esponendosi in prima persona nelle assemblee e sulla carta stampata, all’interno delle quali trovano spazio inediti e intimi ritratti di luoghi e personaggi: dalla Trieste dell’infanzia alla tanto amata Milano, da Sandro Pertini a Norberto Bobbio, senza dimenticare il compagno di strada Paolo Grassi, con cui fondò il Piccolo Teatro.

Queste pagine – arricchite dalla prefazione di Ferruccio de Bortoli – rappresentano una testimonianza unica di impegno civile e delle possibilità che ha l’arte di «agire tra le strade del mondo». Un invito che dal cuore del turbolento XX secolo giunge intatto sino a noi: perché il palcoscenico del presente torni a essere un luogo in cui la voce e le speranze degli uomini possano risuonare.

«Rileggendo questi scritti e ripensando al mio cammino di questi anni, ci sono alcune affermazioni che non farei più, ci sono delle speranze che purtroppo non si sono avverate, ci sono delle scelte che non mi sentirei più di condividere. Ma, nell’insieme, mi ritrovo quale io sono e come penso e agisco.»

«I suoi articoli, sul Corriere e su Repubblica in particolare, furono parti sofferti, ma la “passione divorante” è un fiume in piena, non conosce argini. Ed è forse quello che si chiede a un uomo di cultura, un intellettuale.» Dalla prefazione di Ferruccio de Bortoli

Prefazione di Ferruccio de Bortoli
A cura di Giovanni Soresi


Giorgio Strehler (Trieste, 1921 - Lugano, 1997), maestro del teatro del Novecento, ha di- retto oltre duecento spettacoli di prosa e lirica, prediligendo autori come Goldoni, Shakespeare e Brecht e compositori quali Verdi e Mozart. Nel 1947, con Paolo Grassi e Nina Vinchi, ha fondato il Piccolo Teatro di Milano. Nei primi anni novanta a Parigi ha dato vita all’Unione dei Teatri d’Europa. È stato parlamentare europeo per il Psi (1983-1984) e senatore nelle file della Sinistra Indipendente (1987-1992).