Il perseverante

ISBN 9788842826453
pagine: 182
€ 22,00

Una donna non si presenta all’altare il giorno delle nozze; il suo sposo si allontana, solo, su una carrozza ornata di fiori, in un inverno bianco di neve. Un altro uomo si sveglia di soprassalto, abbandonato da tutti, e si incammina lento sul limitare del bosco. Un terzo uomo, un rifugiato siriano, siede prostrato su un campo da golf, chiedendosi quale sia la strada giusta da imboccare. 

Gli uomini orfani del Perseverante sono protagonisti di narrazioni minime, schegge di esperienza che consentono svelamenti improvvisi o aggrediscono l’inconsistenza del presente, la sua angosciosa stolidità. Parabole poetiche di stringente inattualità in cui Botho Strauss rintraccia i sintomi di un’epoca inferma, l’assedio che le tecnologie stanno portando al nostro quotidiano. Da un lato la fasulla intelligenza della rete, l’ebete bagliore degli schermi, dall’altro la perseveranza, ovvero la capacità di porsi in ascolto delle profondità del linguaggio, usando la parola per ricucire la ferita tra passato e presente. Il perseverante – zibaldone lirico di un autoreeremita, i cui interventi sulla contemporaneità hanno prodotto feroci polemiche in Germania – è una costellazione di frammenti letterari dotati di una violenta lucidità. Storie che si dipanano attorno a polarizzazioni estreme, tra la memoria indefettibile della tecnologia e il desiderio umano di plasmare il ricordo. Tra la voce della poesia e la soffocante ampiezza del mondo.


Botho Strauss è un drammaturgo, narratore, saggista e poeta tedesco. Il Saggiatore ha pubblicato Origine (2015), Mikado (2019) e Il perseverante (2020). 

 

Rassegna stampa

Botho Strauß, l’ultimo erede di Benjamin e Adorno[ Osservatorio Cattedrale - 2 marzo 2020 ]

Ti potrebbero interessare: