Zona

Un libro su un film su un viaggio verso una stanza
ISBN 9788428225074
argomento: ,
pagine: 192
€ 24,00

Nebbia, vecchi tubi, edifici abbandonati. Un uomo fissa i tre personaggi sullo schermo mentre attraversano un paesaggio indecifrabile a bordo di un carrello ferroviario; musica elettronica; sulle loro facce perplessità e inquietudine. Attraversano una zona anonima, innominata, innominabile: la Zona, il luogo dei desideri rimossi. Ma questo l’uomo che fissa i tre personaggi sullo schermo lo sa già, perché negli ultimi trent’anni ha guardato e riguardato quel film decine di volte. Lo spettatore si chiama Geoff Dyer e il film, Stalker di Andrej Tarkovskij, è l’ossessione estetica della sua vita. Zona è il libro con cui Dyer fa i conti con i conti in sospeso. Dyer guarda dentro il film e il film guarda dentro di lui. Gli capita a vent’anni, a trenta, a quaranta.

Il volto dell’attore Solonicyn si trasmuta in quello di suo padre, il volto dell’ansia e di un affetto silenzioso. Gli scenari estoni del setting si riverberano nella Cheltenham dell’infanzia, in tutti i luoghi perduti della vita. Quella colonna sonora dal ritmo acido evoca i viaggi lisergici della giovinezza. I dialoghi dei personaggi esplodono le parole degli amori sprecati troppe volte troppi anni fa. Dyer subisce le immagini di Tarkovskij e poi se ne impossessa immergendole con sguardo beffardo e autoironico nel proprio vissuto. La sua scrittura divora i fotogrammi altrui e dice, in un linguaggio vergine, che cosa sono la speranza e il fallimento, l’amore e la perversione, il sogno e la caduta. Annulla il confine tra realtà e finzione, tra vita e arte. Con Zona Geoff Dyer scrive il libro del viaggio di tutti noi che, seduti al cinema in ultima fila, vediamo scorrere il nostro tempo che scena dopo scena si consuma.


Geoff Dyer è considerato uno dei più importanti scrittori inglesi contemporanei. Le sue opere di narrativa e saggistica sono state tradotte in ventiquattro lingue.

 

Rassegna stampa