Scarcity

Perché avere poco significa tanto
ISBN 9788842820451
pagine: 288
€ 22,00

Perché la povertà è così difficile da sradicare? E perché i piani per contrastarla si rivelano quasi sempre inefficaci? Per combattere la povertà – la scarsità cronica di denaro – occorre cogliere il filo che la lega a tanti altri esempi di scarsità: dalla mancanza di tempo di chi è oberato dagli impegni lavorativi alla solitudine di chi si trasferisce in una nuova città. Sendhil Mullainathan e Eldar Shafir dimostrano che tutte le forme di scarsità creano uno stato mentale simile. La scarsità influenza, a un livello subconscio, incontrollabile, le capacità cognitive e i comportamenti individuali e collettivi. Concentra tutte le energie intellettuali sulle risorse che mancano, migliorando la prontezza e l’efficienza nel rispondere alle esigenze più pressanti. Ma così facendo «cattura» la mente: se siamo preoccupati per la scarsità, abbiamo meno attenzione da dedicare a tutto il resto. Diventiamo meno intuitivi, meno lungimiranti, meno controllati: affrontare ristrettezze economiche riduce le capacità cognitive di una persona più di un’intera notte insonne. In quest’ottica non solo la povertà globale, ma anche i problemi della nostra vita quotidiana acquistano nuova luce. La psicologia della scarsità accomuna i venditori indiani di frutta e verdura caduti nella trappola dell’indebitamento e gli uomini d’affari superoccupati che faticano a prendersi cura dei figli, i coltivatori di canna da zucchero, chi affronta una dieta e chi gestisce ospedali sovraffollati. Se è vero che una scienza della scarsità c’è già, ed è – per definizione – l’economia, gli aneddoti, le ricerche e gli esperimenti sociali di Scarcity sono un invito a ripensare l’economia tenendo conto degli effetti cognitivi, e non solo quantitativi, della scarsità. Una prospettiva che può avere applicazioni innovative per i sistemi di welfare e le politiche di sviluppo globale, oltre che per orientare scelte e comportamenti di tutti i giorni, migliorando la qualità della nostra vita. Mullainathan e Shafir sono cofondatori di ideas42, un’organizzazione non profit che propone soluzioni ai problemi sociali basate sull’economia comportamentale.


Sendhil Mullainathan insegna Economia a Harvard. Nel 2002 è stato premiato con il genius grant della MacAthur Foundation. Si occupa di economia comportamentale e sviluppo economico.

Eldar Shafir insegna Psicologia e affari pubblici a Princeton. Conduce ricerche sulle scienze cognitive, i processi decisionali e l’economia comportamentale.