Noi, soggetti umani

ISBN 9788842823803
pagine: 308
€ 29,00

Nell’età della conoscenza e del progresso tecnico, la capacità di trasformare noi stessi e di agire sull’ambiente in cui viviamo si è fatta smisurata, ma altrettanto smisurato è il potenziale distruttivo e autoditruttivo dell’umanità. Non solo: nella storia non c’è mai stata, prima d’ora, una consapevolezza così diffusa e convinta dei diritti fondamentali e della dignità di tutti gli esseri umani, una tensione etica che però si scontra in Occidente con il potere incontrastato e nichilistico del capitalismo finanziario, e altrove con regimi tirannici o totalitari sempre più determinati a stringere il controllo sulle vite delle persone e sulle risorse materiali. Come possono rinascere – e tornare efficaci – la parola e l’azione politica?

Per rispondere a una domanda tanto assillante, Alain Touraine ha attinto alle idee che lo hanno reso il più autorevole studioso della società industriale e della sua disgregazione, rielaborandole in quest’opera concepita come punto d’approdo di un’intera vita intellettuale e insieme punto di partenza per un nuovo pensiero sociologico. Noi, soggetti umani ridefinisce in profondità i paradigmi interpretativi della globalizzazione. Oggi non è più sufficiente parlare di società postindustriale: siamo entrati in un’epoca postsociale. Non è più intorno ai problemi socioeconomici che si formano l’azione e il pensiero collettivo, ma nel campo etico individuale, nell’immagine che ognuno si forma di sé, in quel che accetta e quel che rifiuta in nome della propria dignità. Ma i nuovi movimenti sociali scontano una cronica mancanza di organizzazione e strategia, e l’indignazione per l’ingiustizia si mostra incapace di contrastare i nuovi «poteri totali».

Per Touraine c’è un un’unica via d’uscita: dopo il trionfo dell’individualismo, il ritorno al soggetto. È giunto il momento, per noi esseri umani, di agire opponendo al predominio della ricchezza e del potere la difesa della libertà, dell’uguaglianza e della solidarietà. Solo una soggettività umana più profonda, che agli interessi anteponga la dignità e alle convenienze le convinzioni, potrà ricondurre la coscienza dei diritti fondamentali dall’ambito individuale a quello sociale.


Alain Touraine (Hermanville-sur-Mer, 1925), sociologo e teorico della società postindustriale, è Directeur d’études all’École des Hautes études en sciences sociales. Il Saggiatore ha pubblicato: Critica della modernità (1997), Come liberarsi del liberismo (2000), Libertà, uguaglianza, diversità (2002), La ricerca di sé (2003), La globalizzazio ne e la fine del sociale (2008).

 

Rassegna stampa

Diritti e democrazia, manuale per una resistenza individuale[ Il Fatto Quotidiano - 10 gennaio 2018 ]
Una rivoluzione a portata di tasca[ Pagina99 - 24 novembre 2017 ]
Alain Touraine: ecco l’uomo nell’era della creatività[ Corriere della Sera - 24 novembre 2017 ]
Noi, soggetti umani, di Alain Touraine[ Convenzionali - 6 novembre 2017 ]