L’invenzione del quadro

ISBN 9788856500806
pagine: 380
€ 14,00

«L’invenzione del quadro, prima ancora di incorporare un sogno di purezza, fu il frutto del bruciante confrontarsi della nuova immagine con il proprio statuto e i propri limiti.»

Circondare un’immagine dipinta con una cornice può sembrare un’operazione ovvia e spontanea. Ma il quadro è un’invenzione relativamente recente: nell’arco di un secolo e mezzo, dall’inizio del Cinquecento alla seconda metà del Seicento, i pittori europei sperimentarono tutte le possibilità offerte dall’arte figurativa.
Victor I. Stoichita analizza le principali innovazioni apparse durante questo affascinante periodo, che ha segnato la nascita dell’arte e dell’artista moderni considerando l’opera d’arte stessa come un oggetto di rappresentazione.


Victor I. Stoichita è nato a Bucarest nel 1949. Iniziati gli studi in Romania, li ha perfezionati a Roma, Monaco e Parigi. Ha insegnato presso varie università e centri di ricerca in Europa e negli Stati Uniti. Dal 1991 è professore ordinario di Storia dell’arte all’Università di Friburgo, in Svizzera. Con il Saggiatore ha pubblicato L’invenzione del quadro (2004), L’ultimo carnevale (con Anna Maria Coderch, 2002) e L’effetto Pigmalione (2006).

 

Rassegna stampa

The Instagram Aesthetics[ Artribune - 31 ottobre 2018 ]
Che cornice mi metto?[ Robinson - La Repubblica - 4 agosto 2018 ]