I parassiti

ISBN 9788856503197
pagine: 352
€ 9.5,00

Nella Francia e nell’Inghilterra tra le due guerre, la sagace penna di Daphne du Maurier narra gli intricati legami della famiglia Delaney. Di quegli orribili Delaney, cicale in un mondo di formiche: prima bambini selvaggi e indisciplinati, poi adulti intrappolati in uno stato di aridità emotiva. Parassiti. Arroganti. Ciascuno a modo suo affamato di attenzione e di affetto. Non una, ma tre volte parassiti. Perché si nutrono del barlume di talento ereditato dai genitori (artisti geniali, cantante lui e ballerina lei), perché non hanno mai veramente lavorato, perché vivono in un mondo di fantasia dove esistono solo loro tre: Maria, Niall e Celia Delaney, recitazione, canzoni e disegno. I primi due brillanti, frivoli ed egocentrici (l’amore cheli lega è solo fraterno?), la terza tanto docile e timida da rinunciare a se stessa, alla vita e al proprio talento, nascondendosi dietro la dedizione al padre. Tutti così intimamente uniti da apparire estranei e distanti a chiunque altro, e da affidare a una voce corale, che fonde prospettive ed emozioni, il racconto della loro ricerca di un mondo diverso da quello sfavillante, privilegiato e senza regole in cui sono cresciuti.
La scrittura di Daphne du Maurier, lei stessa nata in una famiglia di impresari teatrali e attori, è palpitante e attenta al dettaglio dei paesaggi interiori di questo strano clan: i Delaney sono il caos, e il caos lo portano ovunque. Perché, come dice l’Enciclopedia Britannica, «i parassiti colpiscono i loro ospiti poiché si nutrono dei loro tessuti e delle loro cellule, e i danni che arrecano variano da una leggera offesa locale alla completa distruzione».


Daphne du Maurier (1907-1989) ha iniziato a scrivere giovanissima e la trasposizione cinematografica delle sue prime opere (La taverna della Giamaica, 1936, e Rebecca la prima moglie, 1938) ad opera di Alfred Hitchcock le ha dato il successo mondiale. Mia cugina Rachele, uscito nel 1951 e trasposto sul grande schermo nel 1952, viene oggi riproposto in una nuova traduzione. Nel 2008 Gli uccelli e altri racconti, Rebecca la prima moglie e Mia cugina Rachele sono stati pubblicati per il Saggiatore Tascabili.