Freaks

Miti e immagini dell’Io segreto
ISBN 9788842824763
pagine: 320
€ 27,00

Dal generale Tom Thumb, il nano del Connecticut che incantò la regina Vittoria, a Millie e Christine, le sorelle siamesi afroamericane che vissero tutta la vita da schiave (di terzi, oltre che l’una dell’altra). Dal circo di P.T. Barnum ai film di Tod Browning e Federico Fellini; dalla Venere ottentotta, le cui enormi natiche nel 1815 mandarono in confusione mezza Parigi, a Lady Olga Barnell, che a dispetto dei baffoni e di trentatré centimetri di barba si sposò ben quattro volte. Il freak, il fenomeno da baraccone, lo scherzo della natura, è da sempre sinonimo di anomalia.

Oggetto nei secoli di attenzioni contrastanti, nani, gemelli siamesi, giganti, ermafroditi, donne barbute e uomini elefante hanno suscitato riso e timore, compassione e scherno, repulsione e attrazione, turbamento metafisico in chi della norma si è ritenuto portatore e difensore. Fino a diventare un vero e proprio modello nella controcultura giovanile degli anni sessanta e settanta, che ha fatto di quegli emarginati dei supereroi.

Leslie Fiedler affonda lo sguardo in questo viluppo di mitologie, stereotipi e narrazioni, trasformandolo in una critica del rapporto con il diverso, con l’altro da sé – un grado ulteriore dell’essere a cui può avere accesso chi sappia superare le convenzioni dell’apparenza.

Con Freaks il Saggiatore restituisce al lettore un classico della critica culturale contemporanea, arricchito dalla prefazione inedita di Vittorio Giacopini. Un’opera che dal 1978 non ha mai smesso di fecondare il nostro immaginario. Un invito ad alzare il tendone e a guardare con occhi nuovi il freak che abbiamo davanti: dietro quei peli, quel costume di scena e quei tratti deformati, potremmo ritrovare il nostro volto.


Leslie Fiedler (1917-2003) è stato uno dei più importanti critici culturali del Novecento. Ha insegnato nelle maggiori università degli Stati Uniti, tra cui Harvard, Columbia e Princeton. Tra i suoi libri pubblicati in Italia ricordiamo Aspettando la fine (Rizzoli, 1966), Amore e morte nel romanzo americano (Longanesi, 1990), La tirannia del normale (Donzelli, 1998), Vacanze romane (Donzelli, 2004) e Il ritorno del pellerossa (Guanda, 2011).