Figure, idoli, maschere

ISBN 9788842824480
argomento:
pagine: 269
€ 23,00

Pietra grezza, trave, pilastro, figura animale mostruosa, infine figura antropomorfa: che servisse a esorcizzare la paura della morte, ad allontanare il terrore ancestrale o a placare le potenze ignote, la rappresentazione del divino si è evoluta insieme all’uomo. In Grecia ha raggiunto il suo coronamento; in Grecia sono nate l’immagine e l’arte modernamente intese. Di Figure, idoli, maschere nella mitologia e nella religione greca ci parla qui Jean-Pierre Vernant. Troviamo la testa di Medusa, la Gorgone per antonomasia, di guardia alla frontiera del mondo dei morti, regno di Ade e Persefone. Troviamo Dioniso, il dio travestito par excellence, che danza insieme alle Baccanti invasate in feste falloforiche. Troviamo Artemide, la cacciatrice solitaria che sottopone le adepte a ordalie di verginità ma protegge le partorienti. Troviamo Narciso, che non trova se stesso. Per Vernant le figure sono simboli, gli idoli sono riti, le maschere sono specchi. Il doppio è l’emblema, la chiave necessaria per leggere il rapporto dell’uomo col soprannaturale, il luogo in cui si gioca la partita dell’identità.

Figure, idoli, maschere è un testo fondamentale di mitologia classica e psicologia storica, che il Saggiatore ripropone con una nuova prefazione di Giulio Guidorizzi. Vernant svela questa legge universale: dato che l’essenza del divino è sempre sfuggente, resiste a qualsiasi tentativo di farsi imbrigliare in una forma, l’uomo può rappresentarla in infiniti modi diversi. Perciò l’arte è espressione della nostra eterna tensione al superamento degli umani limiti, sublimazione della nostra eterna ricerca di ciò che ci manca e che non possiamo fare a meno di desiderare. Perché, come diceva André Malraux, le figure create dall’uomo sono così potenti da negare il suo stesso nulla.


Jean-Pierre Vernant (1914-2007) è stato uno dei più eminenti studiosi di mito e antichità classica, professore di Studi comparati delle religioni antiche al Collège de France e commendatore della Legion d’onore. Le sue opere sono state tradotte in oltre venti paesi. Tra i suoi libri più importanti si ricordano: Mito e pensiero presso i Greci (Einaudi, 2000), Le origini del pensiero greco (Feltrinelli, 2011), La morte negli occhi. Figure dell’altro nell’antica Grecia (il Mulino, 2013) e L’universo, gli dèi, gli uomini (Einaudi, 2014).

 

Rassegna stampa

Una fogliata di libri[ Il Foglio - 6 giugno 2018 ]