Diorama

ISBN 9788842822448
pagine: 342
€ 24,00

Se si osserva da quelle feritoie che sono oggi gli schermi, la realtà sembra esplosa. Gli schermi stessi sembrano esplosi. Si toccano i dispositivi, per mobilitare ciò che non ha volume fisico e appare come una sterminata legione di fantasmi, un iperuranio abitato da immagini e suoni e infinite connessioni, in cui la vita umana si consuma secondo i ritmi di un’accelerazione prodigiosa e imprevedibile. Il panorama in cui ci muoviamo, tra social, reti e reiterate abolizioni (del tempo, dell’istanza morale, dell’economia e della politica: di ciò che fu il mondo pretecnologico), è divenuto Diorama: una situazione infinita, in cui natura e artificio manifestano una continuità aberrante per chi non immaginava il futuro in questa forma. Testimoni voraci dell’osceno e dell’inerme, affamati di sogni da spendersi in una realtà immersiva e diversa da quella nativa, gli umani si sono repentinamente trasformati da frequentatori di ambienti virtuali nell’epitome dello spettatore: l’occhio che vede se stesso e assiste a tutto.
Marco Magurno da anni opera all’interno di questo Supermondo, utilizzandone l’atmosfera, gli stili e le immagini come un artista rinascimentale impiegava i pigmenti. Accumulando icone e suggerendo apparentamenti inediti tra fatti che un tempo si sarebbero detti storici, Magurno mostra la grande migrazione di cui il Diorama è il compimento, organizzando il regesto estetico di un mondo lanciato verso l’infinitudine, un museo dal vivo in cui si è da sempre entrati, l’età adulta delle immagini che nella pubertà apparvero televisive o popolari, non ancora autonome o «coincidenti con noi stessi».
Con Diorama si dà vita a una storia universale in cui affluiscono tutti i generi e le sovrascritture: da Warburg a Deleuze, da Kafka a van Gogh, dalla sapienza antica al postumanesimo. Diorama è l’Opera alchemica nel tempo singolare in cui il futuro collassa nel presente e disegna il destino della specie che si trascina oltre le colonne d’Ercole del cosmo fisico, compiendo tutte le profezie e consumando i confini tra farsa e tragedia.


Marco Magurno è nato a Pescia (Pistoia) nel 1974, vive e lavora a Pisa. Si occupa di comunicazione visiva, design grafico e web. Questo è il suo libro d’esordio.

 

Rassegna stampa

Diorama[ Rete Due - 6 gennaio 2017 ]
La profezia di McLuhan[ Amedit - 6 ottobre 2016 ]
L’epoca del diorama. Marco Magurno e il romanzo visuale[ 404: file not found - 16 settembre 2016 ]
La didascalia e il Diorama[ Uzak - 28 agosto 2016 ]
Senza-Io: Diorama[ Crapula Club - 25 luglio 2016 ]
Diorama: un'intervista per immagini[ Artwort - 13 luglio 2016 ]
Quello che le immagini non vedono[ pagina99 - 2 luglio 2016 ]