Vittorio Giacopini e il sogno della mappa perfetta

Rai Letteratura - 01 gennaio 2017

Un giovane cartografo idealista al seguito di Napoleone: questo il protagonista del nuovo romanzo di Vittorio Giacopini, La mappa, pubblicato da Il Saggiatore. Serge Victor, cartografo di Grenoble, si arruola nell’armata repubblicana a vent’anni; sogna una mappa perfetta in cui si annullino tutte le divisioni tra statarelli; per il suo condottiero si adatta al ruolo di spia, coperto dalla facciata di saltimbanco. Dopo mille peripezie (dalla battaglia di Marengo all’incendio di Mosca) Serge si ritira nella villa marcescente di Napoleone, adattandosi al ruolo di giardiniere senza una gamba. Nel racconto di una disfatta personale si rispecchia il racconto di una disfatta storica. Con Giacopini abbiamo parlato della citazione da Chateaubriand sul “rovescio degli avvenimenti” posta in esergo, del protagonista e di Napoleone, dell’idea di mappa, e del lavoro fatto sulla lingua del libro.

vedi scheda libro:La Mappa