Storia delle orchestre

ISBN 9788842821663
pagine: 286
€ 21,00
€ 10.99 (eBook)

L’orchestra è un organismo complesso. Dai piccoli gruppi strumentali del Cinquecento alle molteplici ibridazioni che le vedono protagoniste nel nostro tempo, le orchestre si sono sviluppate, mutando, adattandosi ai corsi e ai ricorsi di un fluire storico, politico e spettacolare, tracciando una traiettoria artistica che ha più di un punto in comune con l’evoluzionismo darwiniano.
Enzo Beacco ricostruisce, in queste pagine che coniugano felicità di sintesi e profondità analitica, le tappe essenziali di questo percorso. Così, accanto alle star di oggi – i Berliner e i WienerPhilarmoniker, il Concertgebouw e la Chicago Symphony Orchestra, la Cleveland Orchestra e la London Symphony – convivono quelle realtà che, nella loro poliedricità, hanno contribuito a rendere popolare il repertorio sinfonico: dai primi complessi strumentali che intrattengono la nobiltà e il clero rinascimentali ai concerti che, nel Settecento di Bach e Händel, di Mozart e Haydn, estendono il piacere dell’ascolto alle borghesie cittadine, fino alla grande orchestra romantica che contagia tutti, grazie a Beethoven e Berlioz, a Wagner e Bruckner, a Mahler e Strauss. Grandi orchestre che pretendono grandi sale da concerto, quei templi che a Dresda, Berlino, Londra, Parigi, Milano, Roma, ma anche a New York, Chicago, Boston nel Novecento assisteranno al trionfo dei grandi direttori: Nikisch, Toscanini, Furtwängler, Karajan, Abbado, Muti.
Se l’orchestra è la chiave d’accesso alla musica assoluta – l’arte per eccellenza di Schopenhauer,
la sola capace di evocare senza ricorrere alla parola, all’immagine, al movimento –, Storia delle orchestre è un libro fondamentale, che attraversa secoli, generi, registri, strumenti, tecniche di riproduzione, senza mai smarrire il filo di un racconto che è sinonimo di Occidente.
Questo libro nasce da un’idea sviluppata con l’Orchestra Sinfonica di Milano Giuseppe Verdi in
occasione della stagione sinfonica 2014-15.


Enzo Beacco è saggista, giornalista e critico. Da oltre quarant’anni scrive e parla di musica su quotidiani nazionali e riviste specializzate, e per radio, televisione, istituzioni liriche e di concerto. Si occupa anche di scienza e di industria.