Sesso, crimini e il senso della vita

Indagine sulla natura umana.
ISBN 9788842817475
pagine: 256
€ 22,00

Per garantirci la nostra sopravvivenza e quella dei nostri figli, ogni giorno, da sempre, mettiamo in atto meccanismi di risposta al mondo che ci circonda determinati da regole semplici ed egoistiche. Secondo le teorie classiche dell’evoluzione del comportamento umano, queste regole valgono solo per l’aggressività, il sesso e altri comportamenti che spesso defi niamo «animaleschi». Ma è davvero così?
Lo psicologo Douglas T. Kenrick – uno dei padri della psicologia evoluzionistica – sostiene qualcosa di nuovo: quello stesso insieme di regole è responsabile dell’intera gamma dei comportamenti umani, anche quelli più «umani», come la creatività artistica, il consumo economico, la religione e la politica, per non parlare dell’amore. Insomma, in ogni ambito della nostra vita facciamo scelte egoistiche, ma questo non significa che siamo egoisti: le regole che operano all’interno della nostra testa sono calibrate per aiutarci a conciliare in modo armonico il nostro comportamento con quello delle altre persone, degli amici, dei familiari, degli amanti. Inoltre, queste regole non sono rigide, ma fl essibili e sintonizzate con l’ambiente circostante: le ricerche di Kenrick rivelano così che le nostre sono personalità multiple, e che ciascuno di noi può spostarsi fra vari sottosé diversi, cambiando in mondo adattativo la propria maniera di comportarsi.
Sesso, crimini e il senso della vita esplora questi meccanismi di risposta alla luce degli ultimi sviluppi della biologia evoluzionistica e delle scienze cognitive. Attraverso un campionario di esperimenti innovativi su sesso, violenza, pregiudizi razziali e religiosi, ci illustra perché siamo attratti dalle belle donne, odiamo chi ci insulta in pubblico, siamo sospettosi nei confronti di musulmani, ebrei, cattolici, neri, cinesi… E soprattutto risponde alla domanda umana per eccellenza: «Qual è il senso della vita?». E la risposta sta nelle moderne intuizioni scientifi che sull’evoluzione, la cognizione e la complessità, raccontate con un tono brillante a metà fra Robert Pirsig e David Lodge, campus novel e storia di una vita.


Douglas T. Kenrick è professore di psicologia presso l’Università dell’Arizona. Membro della Human Behavior and Evolution Society, la sua sterminata produzione scientifica comprende il best seller Social Psychology. Il suo lavoro è apparso su Behavioral and Brain Sciences, Psychological Rewiew, Journal of Personality and Social Psychology e Evolution and Human Behavior, oltre che sui media nazionali, compresi Newsweek, The New York Times e Psychology Today. Kenrick vive a Tempe, in Arizona.