Saggio sulla libertà

ISBN 9788842820574
pagine: 159
€ 12,00

Fin dalla sua pubblicazione nel 1859, On Liberty, il Saggio sulla libertà, è stato considerato uno dei testi cardine del liberalismo, modello per la costruzione di una vera democrazia. Quali sono la natura e i limiti del potere che la società può legittimamente esercitare sull’individuo? Così si interroga John Stuart Mill in questo classico del pensiero politico. Alla base della risposta c’è il criterio utilitarista del massimo benessere per il maggior numero di persone, che deve ispirare le norme fondanti del vivere comune.

Nel suo percorso alla ricerca della felicità, l’individuo è libero fino a quando non arreca danno agli altri. Solo in tal caso si possono giustificare limitazioni da parte dello Stato. Limitare la libertà d’espressione, invece, è sempre un crimine. L’uomo non può illudersi di possedere verità assolute: per questo ogni individuo deve essere sempre libero di esprimere il proprio dissenso dalle idee predominanti, libero di non conformarsi a un modello di opinioni, sentimenti o usanze che la società impone come norma di condotta.


John Stuart Mill (Londra 1806 - Avignone 1873), filosofo ed economista, è stato uno dei maggiori pensatori del XIX secolo. Tra le sue opere: Sistema della logica deduttiva (1843), Principi di economia politica (1848), Considerazioni sul governo rappresentativo (1861), Utilitarismo (1863).