Per volontà del cielo

1837-1897 Nascita di un impero
ISBN 9788842813057
pagine: 504
€ 24,00

Si estende su tutti i continenti l’Impero britannico
nel 1897. Le Indie, il Sudafrica, il Kenia, il Sudan,
la Rhodesia, il Canada, i Caraibi, e poi ancora
tutta l’Oceania, persino la gelida Terra di Graham
nella penisola antartica… La regina Vittoria può festeggiare
il giubileo di diamante del suo regno
vantando il più vasto e potente dominio coloniale
di tutti i tempi. Ne è trascorso di tempo da quel 20
giugno 1837, quando la diciannovenne Vittoria
venne incoronata. Allora la ricchezza della Gran
Bretagna era già incalcolabile, la sua flotta e la sua
supremazia commerciale, alimentata dalla Compagnia
delle Indie orientali, non avevano rivali. Su
queste solide fondamenta la regina e Benjamin
Disraeli costruirono il loro immenso potere.
Per volontà del cielo ripercorre l’ascesa della
potenza britannica, la storia di sessant’anni di
ambizioni e progressi tecnologici, di guerre feroci
e di oppressione coloniale. Rivivono in queste
pagine funzionari inglesi, le loro mogli, esploratori,
botanici, cacciatori di pellicce, strangolatori
thug e gli ultimi tasmaniani. Viene ricostruita la
conquista di una supremazia politica ed economica,
con le sue manifestazioni di prepotere e
crudeltà, e persino con il suo affascinante esotismo.
Ha un sapore nostalgico la voce di Jan Morris:
la sua non è una mera esposizione cronologica,
ma storia vissuta, assaporata e immaginata da
chi è cresciuto negli anni del declino del grande
Impero, da chi ha fatto in tempo a vedere, a
scuola, «le carte geografiche colorate da polo a
polo di rosso imperiale».


Jan Morris (1926) è una giornalista, scrittrice e storica inglese. Prima di cambiare sesso nel 1972, collaborò con il Times, e nel 1953 fu il reporter ufficiale della conquista della vetta dell’Everest. Per volontà del cielo è il primo volume di Pax Britannica, trilogia della storia imperiale inglese. Nel 2003 il Saggiatore ha pubblicato Trieste o del nessun luogo.