Nove storie storiche

ISBN 9788842818946
pagine: 176
€ 13,00
€ 10.99 (eBook)

Svegliata di soprassalto da frastuoni di metallo, rombi di vampa, urla di ribelli. Bombardata dalle palandre del Re Sole. Conquistata dagli austriaci,
con le teste rasate e le uniformi impeccabili. Terra di nobili e mercanti, di idealisti e faccendieri, di patrioti ed espatriati. Genova. Porta del Mediterraneo. È lei la città che presta le sue strade, le sue piazze, i suoi quartieri a questi nove racconti in cui le vicende della grande Storia – remota e recente, eroica e vergognosa – irrompono nella vita dei singoli e la stravolgono. Di questi singoli abbiamo dimenticato i nomi, di alcuni non li abbiamo mai saputi: servitori dalla penna faconda, medici che inventano rimedi a malanni inesistenti; adolescenti che abbandonano la sicurezza borghese della casa paterna per inseguire il futuro, la libertà, gli ideali. O giovani che, in un modo o nell’altro, sono entrati nei libri, come i fratelli Ruffini, Giovanni e Jacopo, che correvano per le trottatoie di mattoni rossi e lungo i muri di cinta imbiancati di calce fina casa del loro amico d’infanzia, Giuseppe Mazzini, a discutere della fatalità di progresso della storia; come il conte Gian Luigi Fieschi, cospiratore che voleva morto il Doria, nobile avvolto prima dalle lenzuola e dalle bianche braccia della signora Campodonico, sposa d’un altro, poi dalle alghe della Darsena, affogato per il peso della propria corazza. Il mondo non è mai gentile con loro, a volte per crudeltà, altre per indifferenza: qualcuno si arrende, qualcun altro – non importa quanto ammaccato, quanto dolorante – stringe i denti e va avanti.

Queste Nove storie storiche disegnano il corpo collettivo di una nazione in cerca di riscatto: dalla congiura cinquecentesca alla lotta per l’indipendenza, dai rovesci della Prima guerra mondiale alla rinascita dopo la Seconda, dalle speranze giovanili del Sessantotto a Tangentopoli. In primo piano gli individui, uomini che al peso ereditato dell’esistenza vedono aggiungersi, improvviso e a volte insostenibile, il peso di quei grandi eventi estranei — la cosiddetta Storia — da cui non trovano riparo. E se alle loro reazioni, irriflesse, velleitarie o senz’altro stupide, qui non viene risparmiata l’ironia, non manca però mai di vibrare per tutte le pagine del libro un’intensa e sincera pietà umana.

Con la consueta intelligenza narrativa e con la sua scrittura aperta ai minimi trasalimenti dell’esistere, Cesare De Marchi dà vita a personaggi e vicende che si dipanano per altrettante stazioni della nostra storia.


Cesare De Marchi (Genova, 1949) ha trascorso la prima giovinezza nel capoluogo ligure e ha compiuto gli studi a Milano, laureandosi in filosofia; nella città lombarda ha vissuto fi no al 1995, allorché si è trasferito in Germania, dove attualmente risiede. Prima di questa ha pubblicato due raccolte di racconti e sei romanzi, tra cui Il talento, con cui nel 1998 ha vinto il Premio Campiello e il Premio Comisso, e La furia del mondo, per cui nel 2006 ha ottenuto i premi Frignano e Dessì; da ultimo L’uomo con il sole in tasca (2012). Oltre che come narratore, De Marchi si è fatto apprezzare anche per la sua attività di traduttore e critico, in particolare con il saggio Romanzi: leggerli, scriverli (2007).