L’ultimo carnevale

Goya, de Sade e il mondo alla rovescia
ISBN 9788842810087
pagine: 352
€ 24,00

Il 1799 non segna solo la fine di un secolo: dopo la Rivoluzione francese scoppiata dieci anni prima, i semi del cambiamento politico e sociale sono stati ormai gettati e l’Europa non sarà più la stessa. In questo stesso anno Goya mette in vendita a Madrid i Capricci, una serie di immagini grottesche e violente in cui vengono smascherati i vizi, le ipocrisie e i difetti dell’epoca.
Victor Stoichita e Anna Maria Coderch partono da queste ottanta incisioni per analizzare non solo l’opera di Goya, ma tutto l’immaginario di fine Settecento, nel quale predominano i concetti di “rivoluzione” e “carnevale”, entrambi rivolgimenti di un ordine costituito. In quest’opera vengono presi in esame temi e immagini ricorrenti come i mondi alla rovescia, in cui le gerarchie tra servi e padroni, uomini e animali, maschile e femminile, sono invertite; ma anche i mondi visionari presenti nei romanzi di de Sade, in cui prevale la ragione più spietata, il vizio porta alla felicità e la virtù viene punita: tutti elementi intimamente legati a quell’universo temporaneamente ribaltato rappresentato dal periodo carnevalesco e dai suoi riti. Attingendo a un vasto patrimonio di fonti che spaziano dai miti classici alla satira politica, dalla chimica alla letteratura carnascialesca di Michail Bachtin, L’ultimo carnevale è uno studio definitivo e indispensabile sulla maturità artistica di Goya e sui suoi modelli, ma allo stesso tempo porta alla luce i fantasmi, le ossessioni e gli aspetti meno conosciuti di un’epoca di passaggio tra il vecchio e il nuovo.


Anna Maria Coderch ha studiato presso le università di Barcellona e Madrid, dove si è laureata in Storia dell'arte e in Letteratura spagnola. Ha insegnato per diversi anni Storia dell'arte moderna e contemporanea presso l'Università di Gerona. Attualmente lavora come traduttrice e ricercatrice a Friburgo.

Victor I. Stoichita è nato a Bucarest nel 1949. Iniziati gli studi in Romania, li ha perfezionati a Roma, Monaco e Parigi. Ha insegnato presso varie università e centri di ricerca in Europa e negli Stati Uniti. Dal 1991 è professore ordinario di Storia dell’arte all’Università di Friburgo, in Svizzera. Con il Saggiatore ha pubblicato L’invenzione del quadro (2004), L’ultimo carnevale (con Anna Maria Coderch, 2002) e L’effetto Pigmalione (2006).