Libertà, uguaglianza, diversità

Si può vivere insieme?
ISBN 9788842827436
pagine: 350
€ 22,00

Si può vivere insieme, liberi e diversi? Riusciremo mai a conservare la nostra identità senza combattere e alzare muri contro chi porta i segni visibili della sua alterità? Alain Touraine, uno dei massimi sociologi viventi, non ha dubbi: è questa la s da più importante che il mondo di oggi, sempre più globalizzato e connesso, è chiamato a raccogliere; soltanto vincendola potremo raggiungere quella che chiama «la quadratura del secolo». In duecento anni di vertiginoso progresso tecnologico è accelerata sempre più la tendenza che ci ha portato dal vivere in piccole comunità, con relazioni e riti condivisi in cerchie ristrette, al costituirci in società via via più ampie, dal sentirci parte di una città a parte di organismi nazionali e poi sovranazionali.

Oggi viviamo in un mondo in cui le barriere spaziotemporali che ci separavano gli uni dagli altri si sono dissolte, creando l’impressione di abitare un’indistinta società globale dove l’unica condivisione possibile sembra quella del rituale consumistico che ci rende simili, troppo simili, nell’omologazione dei gesti, degli acquisti, dei gusti, ma non veramente uguali. Disorientati da questa vicinanza improvvisa e forzosa, molti reagiscono tentando di riportare indietro le lancette, serrando i ranghi con chi è più simile per dare battaglia al diverso, e  finendo così preda di nazionalismi e integralismi religiosi. Ma soltanto quando riusciremo a diventare «soggetti» e a costruire la nostra identità politica mettendo la cultura e la creatività di ognuno al servizio di tutti potremo riappropriarci del nostro futuro.

Con Libertà, uguaglianza, diversità, Touraine indica la strada da seguire a chi vuole uscire dal proprio isolamento per essere parte attiva nella costruzione di una società  finalmente libera, equa e fondata sul valore delle differenze: una missione che oggi non possiamo più rimandare.


Alain Touraine (Hermanville-sur-Mer, 1925), sociologo e teorico della società postindustriale, è Directeur d’études all’École des Hautes études en sciences sociales. Il Saggiatore ha pubblicato: Critica della modernità (1997), Come liberarsi del liberismo (2000), Libertà, uguaglianza, diversità (2002), La ricerca di sé (2003), La globalizzazio ne e la fine del sociale (2008).