La notte è infinitamente vuota

ISBN 9788842820413
pagine: 78
€ 12,00

Essere giovani nella Parigi degli anni venti. Mescolarsi alla folla di razze e lingue diverse, bere vino, scatenarsi al Koubok, a due passi all’università: è iniziato il Bal des Quat’z’Arts. Frequentare le lezioni, e chiedersi che cosa fare una volta terminati gli studi. Costruire ponti, dice qualcuno, misurare e ripartire la terra delle colonie, un altro. Poi c’è Gabrielle, che non vuole nulla, perché sarà il destino a volere per lei, e Ursula, che studia geografia e desidera un libro da leggere a voce alta, un libro in cui ogni frase sia armoniosa e bella. Ursula che a Parigi conosce un uomo, esce con lui, va alla Coupole dove ogni sera la ballerina Lena calamita sguardi e attenzioni, Ursula che cerca una libertà che sia solo sua, Ursula che ama Jacqueline, snella e abbronzata.
Scritta da Annemarie Schwarzenbach nel 1929, quando, come la protagonista della novella, studiava alla Sorbona, La notte è infinitamente vuota procede per salti, bruschi cambi di tempo e prospettiva, impressioni in cui l’esperienza biografica è rielaborata e sublimata in una scrittura immaginifica, ora malinconica e ora estasiata dalle infinite possibilità del domani. Una scrittura sempre veloce, come un’automobile nella notte, quando il ronzio del motore e la vibrazione del volante aprono la strada ai ricordi.
Controparte crepuscolare di Ogni cosa è da lei illuminata, pubblicato dal Saggiatore in questa stessa collana, La notte è infinitamente vuota anima la levigatezza stilistica tipica delle opere più mature di Annemarie Schwarzenbach con l’urgenza insopprimibile della giovinezza, e rappresenta un passaggio decisivo nell’opera dell’autrice, fra le figure più importanti della cultura mitteleuropea di inizio Novecento.

Rassegna stampa

Da Il Sole 24 Ore


Annemarie Schwarzenbach, scrittrice, giornalista e fotografa svizzera, è nata a Zurigo nel 1908 e morta a soli trentaquattro anni. Il Saggiatore ha pubblicato Oltre New York (2004), Dalla parte dell’ombra (2011), Ogni cosa è da lei illuminata (2012), La notte è infinitamente vuota (2014), Tutte le strade sono aperte (2015), Fuga verso l’alto (2016) e la biografia Una terribile libertà, scritta da Dominique Laure Miermont (2015).