La fabbrica del consenso

La politica e i mass media
ISBN 9788856504231
pagine: 504
€ 15,00

In un paese democratico l’indipendenza e la libertà di espressione dovrebbero essere le qualità portanti dei giornali e di tutti i media. la realtà è però un’altra: sono le forza politiche ed economiche a decidere quali notizie dovranno raggiungere il pubblico, e in che modo. Noam Chomsky e Edward S. Herman svelano come, grazie alla manipolazione delle notizie, l’opinione pubblica viene spinta a sostenere determinati interessi e punti di vista. La fabbrica del consenso offre un’analisi precisa su quanto siano veramente strumentalizzati i media statunitensi e fornisce la chiave per interpretarne i messaggi.


Noam Chomsky (1928), considerato uno dei massimi linguisti contemporanei, è anche autore di numerosi saggi politici, che hanno fatto di lui uno degli intellettuali militanti più ascoltati negli Stati Uniti e nel mondo. Per il Saggiatore ha pubblicato tra gli altri Conoscenza e libertà (2010), Stati falliti (2011), 11 settembre. Dieci anni dopo (2011), La fabbrica del consenso (con Edward S. Herman, 2014).

Edward S. Herman, economista ed esperto di media, insegna finanza alla Wharton School presso la University of Pennsylvania.

 

Rassegna stampa