L’Inquisizione

Persecuzioni, ideologia, potere
ISBN 9788856501674
pagine: 350
€ 9.5,00

«Come molte cose del passato, l’Inquisizione fa parte del nostro retaggio collettivo e non possiamo semplicemente rinnegarla e rimuoverla dalla nostra coscienza. Dobbiamo affrontarla, imparare a conoscerla, provare a capirne tutti gli eccessi e pregiudizi.»

Creata inizialmente per fronteggiare l’espansione dell’eresia catara e inaugurata formalmente da papa Gregorio IX a partire dal 1233, l’Inquisizione è stata una delle istituzioni più discusse della civiltà occidentale: in nome dell’ortodossia religiosa furono torturate e uccise migliaia di persone, spesso accusate di reati improbabili. Dopo il suo apogeo nella Spagna del XV secolo e con la Controriforma in Italia, l’Inquisizione arrivò anche nel Nuovo Mondo e fu ufficialmente soppressa solo nel XX secolo. Nel loro veemente resoconto gli autori dimostrano come la Chiesa, nel suo insieme, si sia appropriata dei metodi dell’Inquisizione per controllare e manipolare qualunque informazione in grado di interferire nella propria sua sfera d’azione.


Michael Baigent è nato in Nuova Zelanda nel 1948 e dal 1976 vive in Gran Bretagna, dove si è laureato in psicologia presso l'università di Canterbury. é autore di numerosi saggi di grande successo pubblicati in Italia dalla Marco Tropea Editore: Il cielo di Babilonia e, insieme a Richard Leigh, Il mistero del Mar Morto, L'elisir e la pietra, L'eredità messianica, L'inquisizione. Nella Net sono usciti Il mistero del Mar Morto (2002) e L'elisir e la pietra (2003).

Richard Leigh ha studiato alla Tufts University di Boston, all’università di Chicago e alla State University di New York. Insieme, i due autori hanno pubblicato bestseller internazionali: Il mistero del Mar Morto (1997) e L’elisir e la pietra (1998), per i tipi della Marco Tropea Editore; L’eredità messianica (Est 1999), scritto insieme a Henry Lincoln.