Jazz foto di gruppo

Mito, storia, spettacolo nella società americana
ISBN 978-88-428-1086-5
pagine: 528
€ 22.00,00

Questo libro non è una storia del jazz. Non segue il canone delle storie del jazz, non segue la cronologia delle storie del jazz. Questo libro è un lungo viaggio sui sentieri labirintici del jazz, un viaggio forsennato che parte da una foto di gruppo: la famosa «A great day in Harlem» di Art Kane.
In una foto non c’è un inizio e una fine. Quando si guarda una foto si può partire da dove si vuole. Si può saltare da sinistra a destra, da un viso all’altro, dal primo piano allo sfondo. Così è questo libro. È un viaggio senza tragitti predefiniti, all’avventura, un viaggio di un gruppo di amici spensierati che la scelta di dove svoltare la fanno con i dadi.
Piantagioni di schiavi neri, Harlem Renaissance, «I have a dream». La povertà, la depressione, l’umiliazione. Il pregiudizio, la discriminazione, lo sfruttamento. La violenza, la droga, l’alcol. La solitudine. New Orleans, Kansas City, Chicago, New York, la California. Miles Davis, Charlie Parker, Duke Ellington. Buddy Bolden, Thelonious Monk, Charles Mingus.
E un cadavere, con una barba albina, che viene ripescato il 25 novembre 1970, nelle acque gelide dell’East River. Si chiama Albert Ayler, professione jazzista. Misteriosa la sua morte, come la sua musica.


Arrigo Arrigoni è uno scrittore italiano, grande esperto di musica jazz. Ha pubblicato Soterini di cloro (Sugarco, 1962), Jazz foto di gruppo (il Saggiatore, 2010).