Il Novecento

e la musica americano
ISBN 9788842826415
pagine: 1562
€ 64,00

Il teatro musicale è lo specchio del mondo a cui si rivolge, ma anche presagio del suo futuro. Nel Novecento, venute meno le ombre possenti di Verdi e Wagner, anche l’opera si disgrega, lasciandosi alle spalle l’unitarietà e la compostezza del melodramma ottocentesco, i suoi solidi personaggi e le sue rappresentazioni organiche, per indagare un presente sempre più frammentario, percorso dalle inquietudini, dall’aggressività e dalle sofferenze del soggetto moderno. Puccini, Berg, Britten, Strauss e Janáček sono alcuni dei grandi nomi che intarsiano la storia dell’opera novecentesca, riscrivendone canoni e temi, orizzonti e significati, con uno sguardo di volta in volta critico o celebrativo, intimista o universale sulle vicende di un secolo attraversato da profondi tumulti le lacerazioni.

Così la Lulu di Berg si fa accusa dell’alienazione generata dalla morale sessuale e dal culto della famiglia, e dà voce, con linguaggio visionario, alle sue vittime per eccellenza, le donne; il Billy Budd di Britten sviscera le ambiguità del male, la perdita dell’innocenza e l’emarginazione del diverso che marcheranno impietosamente la storia del secolo; il realismo poetico della Bohème di Puccini mette in scena il vagare angosciato e trasognato dell’essere umano, la fatica di affrontare la quotidianità e le schegge psicotiche che essa produce.

Nel volume conclusivo della sua monumentale storia dell’opera, con la passione e la cura del particolare che i suoi lettori ben conoscono, Elvio Giudici passa in rassegna l’opera del Novecento e, per la prima volta, il teatro musicale inglese e statunitense a cavallo del nuovo millennio, restituendoci un affresco composito che si sofferma su tutti i grandi registi e direttori, sugli allestimenti e sulle interpretazioni che hanno contribuito a far sì che questa forma d’arte continuasse a rappresentare, ma anche a plasmare, il nostro tempo.


Elvio Giudici è uno dei più noti critici musicali italiani. Da oltre vent’anni scrive sulla rivista Musica; per Ricordi, nel 1994, ha pubblicato una monografia su Verdi e una su Puccini.