Il campione e il bandito

La vera storia di Costante Girardengo e Sante Pollastro
ISBN 9788842824572
pagine: 378
€ 19,00

Due uomini in fuga. Uno è Costante Girardengo, il suo viso è grigio come la strada coperta di fango. Ha il berretto, gli occhialoni, i tubolari a tracolla e gli scarpini incrostati di mota, ma la maglia bianca e la fascia tricolore sono inconfondibili, anche sotto la pioggia. Un giorno, prima di passare per la sua Novi, si alza sui pedali e stacca il gruppo per duecento chilometri: la fuga più lunga di sempre.

Quel giorno Sante Pollastro, l’altro, lo osserva con il fiato sospeso in mezzo alla folla. Sante nella vita rapina e uccide, si alza sui pedali per scappare dalla polizia e, armato di pistola, spara ai fanali per dileguarsi nel buio. La sua fuga lo porta a Parigi tra criminali e fuoriusciti italiani; le sue amanti sono sarte e cameriere, i suoi compagni muratori e imbianchini, ladri e artisti, anarchici e spie, pronti a passare in un istante dalla fisarmonica al coltello.

Costante è stato campione italiano per nove volte consecutive, ha vinto due Giri d’Italia, tre Giri di Lombardia e sei Milano-Sanremo. Le sue gambe strappano le ruote al selciato, la sua bici vola, arriva davanti a tutte le altre a Lipsia, Milano, Grenoble. Costante è il più grande ciclista del mondo. Sante è un assassino, un ladro, e allo stesso tempo un capro espiatorio, un raddrizzatore di torti, un anarchico generoso, un dandy che ruba ai ricchi per dare ai poveri. Sante è il più famoso rapinatore italiano.

Sante e Costante sono stati bambini insieme. In un borgo di Novi Ligure hanno sognato di scappare sulla bici, lontano dalla miseria. I loro destini si sono incrociati e divisi su piste di ghiaia e terra battuta, restando intrecciati negli anni della latitanza e dei trionfi. Il racconto della loro amicizia è quello dell’Italia tra le due guerre: una «storia di prima del motore», in cui il ciclismo era fatto da eroi soli; una questione privata tra l’uomo, la macchina e la strada. Il campione e il bandito narra il leggendario riscatto di due contadini cresciuti troppo in fretta, in una terra di fame e freddo sprofondata in una nebbia di latte. Una storia in cui il campione è un bandito e il bandito è un campione.


Marco Ventura ha seguito come inviato speciale del Giornale i più importanti fatti di cronaca italiana e internazionale, collaborando anche con Mediaset, Epoca e Radio Radicale. Inviato di guerra nel Golfo e nella ex Jugoslavia, ha viaggiato a lungo come giornalista e fotografo anche in America, Africa, Medio e Vicino Oriente, India ed Europa dell’Est. Tra le sue pubblicazioni, Jugoslavia, il nuovo Medioevo (con Gigi Riva, Mursia, 1992), La guerra dei dieci anni (il Saggiatore, 2001) e Così nasce un papà (Bompiani, 2005).

 

Rassegna stampa

Girardengo e Pollastro, il campione e il bandito[ Quotidiano dell'Alto Adige - 7 maggio 2018 ]
L'amicizia tra il campione e il bandito[ Il Sole 24 Ore - 1 maggio 2018 ]