Giulio Ricordi

L'amico dei musicisti italiani
ISBN 9788842823544
pagine: 232
€ 23,00

È il 1859 e il giovane Giulio Ricordi, non ancora ventenne, scappa di casa per unirsi all’esercito piemontese e dare il proprio contributo all’unificazione dell’Italia. È il 1870 e Ricordi scrive a Giuseppina Strepponi, moglie di Giuseppe Verdi, nel tentativo di convincere «il Maestro» a riprendere in mano la penna: da quella paziente attesa e cortese insistenza matura il capolavoro di Otello. È il 1888 e Giulio succede al padre Tito I, iniziando a dirigere l’azienda di famiglia e di fatto dando avvio all’età dell’oro di Casa Ricordi. È il 1889 e Giulio minaccia le dimissioni se Casa Ricordi non darà fiducia al giovane Giacomo Puccini, che di lì a poco infatti compone Manon Lescaut e poi La Bohème, Tosca, Madama Butterfly.
Lungimirante editore e artista egli stesso, Giulio Ricordi con la sua Casa ha realizzato un’impresa senza precedenti: riconoscere i migliori talenti musicali, accompagnarli, consigliarli, promuoverli e con metodo quasi socratico aiutarli a mettere al mondo opere che non solo hanno fatto un’epoca, ma tuttora costituiscono alcune tra le vette raggiunte dalla creatività umana di ogni tempo, e che in definitiva non si saprebbe dire se siano più di un Boito e un Giacosa o di Ricordi stesso.
A narrare le gesta del grande editore è una penna illustre: quella di Giuseppe Adami, fidato collaboratore e compagno di strada di Giulio Ricordi, oltre che indimenticabile librettista per Giacomo Puccini; attraverso la sua partecipata narrazione riviviamo gli anni di gloria dell’opera, i tempi più luminosi della grande musica italiana, che rinascono, ci avvolgono, ci rapiscono. Pubblicato in prima edizione nel 1933 e in seconda nel 1945, tra le macerie della guerra, il volume Giulio Ricordi è ora proposto dal Saggiatore con un’accurata prefazione di Gabriele Dotto e un prezioso memoir di Claudio Ricordi: non solo a comporre la biografia di un grande uomo, ma a rievocare un capitolo fondamentale per la storia dell’arte, la storia d’Italia.


Giuseppe Adami (1878-1946) collaborò fin da giovane con Giulio Ricordi, il maggior editore musicale dell’epoca, e dopo la laurea in Legge si dedicò all’attività di scrittore e critico musicale per La sera e La commedia, entrando in contatto con tutti i grandi protagonisti del melodramma italiano. Oltre che dei compositori Riccardo Zandonai e Giuseppe Mulè, fu il librettista della Turandot, del Tabarro e della Rondine di Giacomo Puccini. Questo volume è stato realizzato in collaborazione con l’Archivio Storico Ricordi.

 

Rassegna stampa

Giulio Ricordi, di Giuseppe Adami[ Blow Up - 1 settembre 2017 ]
Jules Burgmein, anzi Giulio Ricordi[ Gazzetta di Parma - 11 luglio 2017 ]
Giulio Ricordi, il musicista talent-scout[ Il Sole 24 Ore - 9 luglio 2017 ]