Foresta fantasma

ISBN 9788842829973
pagine: 272
€ 18,00

«Famiglia astronauta» dicevano i media a Hong Kong: perché il padre è sempre in cielo, lontano. Su un aereo che lo porta via, mentre la bambina è ferma a terra all’aeroporto di Vancouver, e la madre le dice di salutare papà, «Papà torna a Hong Kong ora». «Famiglia astronauta», perché la propria casa è lontana anni luce e la si può ritrovare unicamente attraverso odori e sapori, scaldando i ravioli nell’olio di sesamo o cuocendo il pollo per la zuppa. «Famiglia astronauta», perché quando un padre muore è solo, e sua figlia, diventata grande, non sa nemmeno dire se lo abbia mai conosciuto. Nel 1997 Hong Kong passa dopo un secolo dalla sovranità del Regno Unito a quella della Cina e i suoi abitanti si trovano di fronte a una scelta: restare e vivere sotto un potere autoritario o abbandonare tutto ed emigrare in cerca di una vita migliore. Foresta fantasma è la storia delle conseguenze della decisione di un padre di restare a lavorare in patria mandando a vivere la propria famiglia in Canada. È il racconto, intimo e toccante, del difficile rapporto con un genitore distante diecimila chilometri, scritto dalla figlia alla scomparsa dell’uomo. Pagina dopo pagina, per lei la scrittura si trasforma in un rituale con cui superare un dolore senza volto e affrontare le incomprensioni che il lutto ha lasciato intatte; il tentativo di riannodare, con l’aiuto di madre e nonna, le confuse linee della sua storia familiare, riempiendo i vuoti e i silenzi della vita di una persona amata. Pik-Shuen Fung racconta con una prosa di rara delicatezza e musicalità che cosa significa fare i conti con la propria cultura d’origine e con le fatiche dell’integrazione. Foresta fantasma è una lettera scritta per un genitore che non potrà mai leggerla: un’esplorazione dei territori oscuri della perdita per strappare all’oblio il conforto di un ricordo, la rassicurazione.

Con quali parole si può ricordare un padre da sempre distante, che muore in una casa dall’altra parte del mondo? Un romanzo sulla famiglia, sul dolore e sulla forza dell’amore.

«Un romanzo composto di frammenti colmi di malinconia ma mai di rimpianto, toccanti, ma mai gravosi, in cui trovano spazio anche la gioia e la tenerezza. La prosa di Pik Shuen Fung riesce a essere evocativa e semplice allo stesso tempo.» The New York Times

Traduzione di Benedetta Dazzi


Pik-Shuen Fung è un’artista e scrittrice canadese. Foresta fantasma è il suo romanzo d’esordio.

 

Rassegna stampa

Foresta fantasma | Internazionale[ Internazionale - 28 aprile 2022 ]