Eclisse del Dio Unico

ISBN 9788842817758
pagine: 160
€ 13,00
€ 10.99 (eBook)

«Non avrai altri dèi di fronte a me» (Esodo 20, 3). Oggi quell’Unico Dio si è disciolto come una montagna di ghiaccio. Con questa immagine sconcertante si apre l’inconsueto saggio di Ferruccio Parazzoli, dove il sublime e l’abisso si incrociano. Con l’eclisse del Dio Unico è crollato il pilastro a cui, in obbedienza e in rivolta, stava abbarbicata la cultura occidentale. Muore la rivolta metafisica, muore la tragedia cristiana, la grande creazione artistica nata dopo il Golgotha. L’autore rifugge da quello che definisce il pensiero ordinato del linguaggio debole, frutto dell’odierno nichilismo di massa, della «pappa del niente» di cui si nutre l’uomo contemporaneo, morto alle grandezze di ogni mitologia. La scrittura di Parazzoli è un incalzare di affermazioni demistificanti, di immagini ribaltanti, è la messa in scena di un dramma dove il Vecchio Dio di Abramo è caduto dietro le quinte, ma dove sul palco non è mai comparso quel Dio Padre che Gesù chiamò dalla croce.
A capitoli di lucido sconcerto sull’attuale disorientamento dell’uomo occidentale («Gli sciamani non volano più», la piatta orizzontalità dell’arte contemporanea; «Apologia del rischio», la perduta eroicità di Prometeo), si alternano capitoli visionari («La tenda gialla», confine tra vita e morte; «Il discorso di Gesù morto», dove la vittima rivendica il proprio vittorioso fallimento). Fino alla chiusa commovente y final de «La cerimonia dell’addio». Un appassionato j’accuse, la voce di una scandalosa speranza.


Ferruccio Parazzoli (1935) è autore di numerosi romanzi, racconti e saggi, tra i quali ricordiamo Trilogia di piazzale Loreto (Mondadori, 2011), Amici addio (Sem, 2018), Il grande peccatore (Bompiani, 2019) e Happy Hour (Rizzoli, 2020). Per il Saggiatore sono usciti Nessuno muore, Altare della Patria, Eclisse del Dio Unico e Il fantasma di Dio.