martedì 28 maggio 2019 | 19:30
Roma - Via degli Etruschi, 4 - Libreria Tomo

Vincenzo Ostuni presenta ‘Il libro di G.’ con Andrea Cortellessa

il libro: Il libro di G.

Una vita appare nel chiaroscuro di un’ecografia. Poi si fa carne, gioca nella sua culla con i fantasmi, si alza in punta di piedi e inizia a interrogare il mondo. Un padre osserva il suo bambino, e guardarlo divarica l’abisso di un prodigio senza fondo, un campo magnetico elettrizzato dalla poesia.

Pochi autori covano un principio di infinitudine come Vincenzo Ostuni: il suo è un lavoro interminabile sulla scrittura, privo di punteggiature che non siano l’esitazione di una virgola o lo scavo sommesso e refrattario delle parentesi. Ostuni si dedica infatti da più di vent’anni alla stesura di un unico libro, che porta nel suo orizzonte totale il nome oroscopico di Faldone, pubblicato nel tempo per estratti, volumi e brevi apparizioni, segnando una traiettoria unica nel panorama della poesia italiana, della quale Il libro di G. rappresenta l’allunaggio nel nostro contemporaneo. I versi orizzontali e cinemascopici di questa raccolta, dedicati al tema della paternità e ai momenti di vita quotidiana con il figlio G., proseguono un percorso di ricerca e sperimentazione letteraria senza eguali, che allude a modelli capitali – come la forma-canzoniere di Petrarca e le avanguardie versificatorie di Sanguineti o Pagliarani –, compiendo però un passo risolutivo nell’immaginario: quello verso il vuoto metafisico e l’ambiguità della poesia, in cui ogni frammento assume radicalmente il proprio senso, per poi perderlo nel cortocircuito del racconto generale.