martedì 21 maggio 2019 | 17:00
Pavia - Strada nuova, 65 - Salone teresiano - biblioteca universitaria

Presentazione di ‘Perifrasi del concetto di fame’ a Pavia

Il 17 settembre del 1915 Leo Spitzer prende servizio a Vienna presso l’Ufficio centrale della censura postale dell’esercito imperialregio, preposto al vaglio della corrispondenza dei prigionieri italiani. Dire «Ho fame» era proibito: era una minaccia per il prestigio dell’impero asburgico. Il censore Spitzer deve dunque intercettare e cassare ogni riferimento alla fame patita dai prigionieri, ma il linguista Spitzer non può lasciare che quel patrimonio di testimonianze vada perduto. Si ferma allora in ufficio oltre l’orario e copia centinaia di brani dalle lettere prima di coprire con l’inchiostro i passi incriminati.

Alla presentazione del volume interverranno: Maurizio Harari (Direttore del dipartimento di Studi Umanistici), Guido Lucchini, Clelia Martignoni, Elisa Signori.

Coordinerà: Silvana Borutti

Saranno presenti: Silvia Albesano (traduttrice), Claudia Caffi (curatrice del volume), Antonio Gibelli (autore del saggio introduttivo).