Extra

Punk is not dead, “Lipstick traces” al T28 di Milano

di il Saggiatore

Chiamatelo Cabaret Voltaire. Chiamatelo potlatch. Chiamatelo punk. È la critica radicale e corrosiva alla società contemporanea, è il sovvertimento di … Leggi

 

“I monologhi della vagina”: istruzioni per un dialogo

di Sarah Barberis

Per me tradurre è come scopare: è il tentativo di contattare nel proprio corpo, nella propria lingua, un punto di … Leggi

 

L’incubo di un futuro senza nani

di Vittorio Giacopini

Il guaio è che quando il celebrato critico Leslie Fiedler inizia a scrivere il suo saggio sui freaks questa curiosa … Leggi

 

Viaggio nel cosmodromo di Bajkonur

di il Saggiatore

Il Reportage pubblica un lungo articolo su il cosmodromo di Bajkonur in Kazakistan che anticipa la distribuzione di un film … Leggi

 

Le ragioni di uno stand

di Andrea Gentile

Per il Salone internazionale del libro di Torino del 2018, il Saggiatore ha progettato il suo stand tentando di far … Leggi

 

Ti senti solo?

di il Saggiatore

In Città sola, Olivia Laing racconta della solitudine che si prova in una città in fermento come New York. Racconta … Leggi

 

Chi è László Darvasi

di Dóra Várnai

László Darvasi è nato nel 1962 a Törökszentmiklós, ha pubblicato più di venti volumi, molti dei quali tradotti in francese, … Leggi

 

Intervista a Emma Glass

di il Saggiatore

Abbiamo intervistato Emma Glass, autrice de La carne: l’esordio con cui si è affermata come una delle voci emergenti più … Leggi

 

Il pezzo che manca

di Giacomo Di Girolamo

Matteo Messina Denaro è imprendibile e fortissimo. Lo Stato lo cerca e non lo trova, spuntano sempre nuovi adepti, che … Leggi

 

Il senso della memoria

di Laura Testaverde

L’isola dei senza memoria è un piccolo mondo lontano dalla nostra realtà, i cui abitanti sono abituati a “perdere qualcosa”, … Leggi

 

La verità della finzione

di Filippo Tuena

Un giorno, in una di quelle rapide chiacchierate che ci facciamo durante le presentazioni in cui c’incontriamo – che siano … Leggi

 

Ritorno alla città distrutta

di Goffredo Fofi

La Storia non ci dà tregua. La vita di ognuno ne è segnata anche se vorrebbe ritrarsene, nascondersi, evitarla. Alcuni, … Leggi

 

Di cosa parla questo libro?

di il Saggiatore

Nella copertina c’è un alligatore che fa affiorare la testa da un liquido rosso. E poi c’è il titolo: Giusto terrore, e il sottotitolo: … Leggi

 

Quanto spera di campare Giovanni

di Marco Cassini

Se il burrone o il precipizio ci fanno pensare a un confine, un bordo oltre il quale non c’è nulla … Leggi

 

Le storie di Gazoia che ci aiutano a capire il terrore

di Davide Orecchio

Era prevedibile che, con Giusto terrore, Alessandro Gazoia ci offrisse un libro molto intelligente. Meno prevedibile era che questo saggio … Leggi

 

Sono preoccupato per…

di il Saggiatore

Tra la fine di Corso Buenos Aires e l’inizio di via Padova a Milano ci saranno sì e no 300 … Leggi

 

La minaccia di uno straniero mite

di il Saggiatore

Una cava di calce che è una ferita in una montagna senza tempo e un villaggio uguale a se stesso … Leggi

 

Il mito della disgregazione nel racconto di Andreas Moster

di Silvia Albesano

È un microcosmo scarno, elementare, eppure claustrofobico, quello creato da Andreas Moster, forse per il silenzio minaccioso in cui è … Leggi

 

Il testimone involontario della Voragine che inghiotte il mondo

di Franca Cavagnoli

Una tavolozza di bianchi, di grigi, di neri e di viola per descrivere un paesaggio metafisico: città con resti di … Leggi

 

I primi titoli del 2018

Un resoconto letterario de il Saggiatore

di Andrea Gentile

Le mattine iniziano sempre allo stesso modo. Provare a uscire dal torpore, restare sospesi tra il sonno e la veglia, … Leggi