il saggiatore logo
 
Carlo Mazza GalantiCosa pensavi di fare?
la scelta dell'università
 
Hai diciannove anni e un vago riflesso edipico, una fragile coscienza politica, un insensibile moto generazionale ti spingono a pensare che no, non hai nessuna voglia di entrare nel ciclo produttivo del «capitalismo occidentale». La tua posizione è altrove, a margine, leggermente decentrata rispetto al «sistema». Lo senti: il tuo posto sarà quello di uno spettatore, ma non uno spettatore passivo: uno spettatore critico, attivo, molto loquace. Diciamo pure un intellettuale.
 
 
filosofia
DOTTORANDO Ti arroghi il diritto di coltivare questo privilegio e ti iscrivi a filosofia pieno di entusiasmo per il futuro che ti aspetta:  vai al punto 2.
 
steto
SALVARE VITE UMANE Insistenti pressioni famigliari o un travagliato percorso interiore ti convincono che a certe occupazioni è meglio riservare il tempo libero (ti sei imbattuto in una frase di Primo Levi, autore prediletto: «di scrittura non si vive, perciò mi sono iscritto a chimica»). Meglio dedicare le proprie energie allo studio di un mestiere «vero», meglio costruire su basi solide. Ti iscrivi a medicina e  vai al punto 4.