Il Re Sole

Peter Burke

Il Re Sole

ISBN 9788842823292

Pagine 350

€ 27.00


Nella Francia del Seicento ogni decisione rilevante in campo bellico, politico, amministrativo, religioso, economico, agricolo e architettonico discendeva da un solo uomo: Luigi xiv di Borbone, il Re Sole. Tutti i suoi sforzi furono rivolti ad accentrare a Parigi la vita politica della nazione, eliminando le ultime vestigia di feudalesimo e obbligando la nobiltà a una vita di corte oziosa e fastosa nella reggia di Versailles: un processo che fu determinante per la formazione e diffusione dello Stato moderno in Europa e nel mondo.
L’aspetto decisivo dell’assolutismo di Luigi xiv fu indubbiamente la sua straordinaria forza simbolica. Ogni gesto era pensato per trasmettere ai sudditi l’idea di una personalità eccezionale, da seguire in modo incondizionato: rappresentato centinaia di volte nella pittura, nella scultura, nelle medaglie, in opere e balletti, al centro di ogni canale d’informazione e intrattenimento dell’epoca, Luigi xiv doveva apparire il fulcro di un regno che Racine definì «una ininterrotta serie di meraviglie».
La costruzione dell’immagine del Re Sole fu soltanto manipolazione dell’opinione pubblica, parossistica megalomania del sovrano, adulazione di artisti e cortigiani? Oppure fu una risposta consapevole a esigenze psicologiche collettive, che rendevano universale la credenza nelle virtù taumaturgiche del tocco reale?
Peter Burke ricostruisce le vicende e i simboli di un regno che ha cambiato il mondo, analizzando gli snodi della complessa politica mediatica a cui si applicarono il sovrano e i suoi ministri. Grazie a un dialogo serrato con i testi ufficiali, le architetture, i manufatti, i manifesti, i dipinti dell’epoca – molti dei quali riprodotti in queste pagine –, Il Re Sole non si propone solo come il ritratto di una delle figure più affascinanti, controverse e decisive della storia, ma anche come un saggio indispensabile sulla funzione politica della magnificenza e sulle relazioni tra arte, media e potere.

Peter Burke (1937) è considerato uno dei più autorevoli storici europei. Fra i suoi contributi tradotti in italiano si ricordano: Cultura e società nell’Italia del Rinascimento (Einaudi, 2001), Lingue e comunità nell’Europa moderna (il Mulino, 2006), Dall’Encyclopédie a Wikipedia (il Mulino, 2013).