Rahel Varnhagen

Hannah Arendt

Rahel Varnhagen

ISBN 9788842819004

Pagine 290

€ 22.00


Rahel Varnhagen ha diciannove anni quando, nel 1790, la sua mansarda berlinese diventa un luogo di ritrovo prima per gli amici, poi per l’alta società politica e letteraria tedesca nell’epoca delle guerre napoleoniche e della transizione dall’Illuminismo al Romanticismo. Rahel non è ricca né avvenente, ma è una donna appassionata e di rara intelligenza; ed è ebrea. Intorno a sé costruisce una raffinata fucina intellettuale, ma anche un laboratorio in cui l’identità ebraica sperimenta un nuovo equilibrio tra assimilazione ed emancipazione, prima che la Prussia inizi a scivolare nell’antisemitismo e le origini ebraiche diventino qualcosa non da cancellare ma da rivendicare.
Hannah Arendt ha diciannove anni quando si trasferisce a Marburgo per studiare filosofia e teologia e riunisce intorno a sé gli amici e i compagni di seminario per leggere e discutere Platone. Poco tempo dopo inizia a scrivere la sua prima e unica biografia, la storia di Rahel Varnhagen, ma deve accantonarla nel 1933 – esattamente cento anni dopo la morte di Rahel – per sfuggire alla persecuzione nazista riparando in Francia. La pubblica soltanto nel 1958, dopo aver lasciato correre tempo e storia e aver frapposto la distanza definitiva tra sé e quel mondo tedesco alla cui lingua ritorna ormai solo nelle lettere private.
Con Rahel Varnhagen. Storia di un’ebrea, il Saggiatore ripropone un libro che «nuota vigorosamente contro la corrente della giudaistica edificatoria e apologetica», per dirla con Walter Benjamin. Hannah Arendt vi espone il suo pensiero critico sull’assimilazione ebraica e, insieme, traccia un affresco del rapporto tra ebrei e società tedesca, spaziando dalla narrazione filosofica all’osservazione sociologica e politica, dal racconto di un’emancipazione femminile alla speculazione su questo frammento di storia ebraica della Germania: una auto-biografia a due che ci offre quella storia nascosta dell’antisemitismo introvabile nelle pagine ufficiali della storia politica ed economica e, forse, anche nell’analisi che Hannah Arendt aveva elaborato nelle Origini del totalitarismo.

Hannah Arendt è nata a Hannover nel 1906 e morta a New York nel 1975. Tra le sue numerose opere, si ricordano Le origini del totalitarismo (1951; Einaudi, 2015), Vita activa (1958; Bompiani, 2014), La banalità del male (1963; Feltrinelli, 2015), Sulla rivoluzione (1963; Einaudi, 2009), Sulla violenza (1970; Guanda, 2013).