Sulla guerra

Simone Weil

Sulla guerra

ISBN 9788842823636

Pagine 186

€ 18.00


«Quel che non sopporto è che si transiga»: Simone Weil è la reincarnazione di Kant, oppure di san Francesco d’Assisi. Pare che Camus tenesse una sua fotografia sullo scrittoio. Paolo vi voleva farla santa, ma lei aveva sempre rifiutato il battesimo. Lei che a trentaquattro anni si è lasciata morire di fame perché non poteva andare a combattere in prima linea contro i nazisti. La rivoluzionaria mistica, uno dei più misconosciuti e fondamentali pensatori del Novecento.

Il Saggiatore ripubblica Sulla guerra, una raccolta di articoli, lettere, brevi saggi scritti da Simone Weil tra il 1933 e il 1943, anno della sua morte, che delineano il difficile passaggio da un iniziale pacifismo intransigente alla partecipazione attiva, anche se non priva di contrasti, alla resistenza contro Franco prima e contro il nazismo poi. Un passaggio non raro in quegli anni, ma che in Simone Weil implica una complessità e un rigore di pensiero singolari, la ricerca appassionata e radicale di una possibile via d’uscita alla tragica minaccia che incombe sull’Europa, e più ancora all’impasse filosofica di chi sa che la guerra è il male assoluto, ma anche un male necessario quando si deve contrastare una violenza atroce e stritolante. Tutt’al più si può avere l’intenzione di «fare il minimo di male possibile». Che per Simone Weil coincide con l’autosacrificio: si propone all’organizzazione France libre di De Gaulle per azioni che la espongano al più grande rischio personale; ma quando questo le viene negato – lacerazione irreparabile – si abbandona a una lenta morte.

Sulla guerra è molto più di un documento storico su una delle più dolorose e folli stagioni dell’umanità; molto più di un’opera filosofica che affronta i nodi teorici del fenomeno bellico, che si tratti di guerra rivoluzionaria o di guerra tra Stati; ed è più del diario di una conversione e di un martirio. È la testimonianza profetica di un umanesimo integrale, di un’instancabile tensione etica – in definitiva, di una vicenda biografica, intellettuale e spirituale tra le più alte e sofferte di tutto il Novecento.

Simone Weil (Parigi, 1909 – Ashford, 1943) è stata una filosofa e militante francese di origine ebraica. Tra le sue numerose opere, tutte di pubblicazione postuma, ricordiamo la raccolta in quattro volumi dei Quaderni (Adelphi, 2005-2010).