La fine dell’alchimia

Mervyn King

La fine dell’alchimia

ISBN 9788842823056

Pagine 389

€ 24.00


Gli ultimi vent’anni sono la storia di due epoche: prima abbiamo avuto crescita e stabilità, poi la peggiore crisi bancaria che il mondo industrializzato abbia mai conosciuto. Nell’arco di poco più di un anno, tra l’agosto del 2007 e l’ottobre del 2008, l’economia è crollata, e insieme a essa la fede nel capitalismo. Com’è potuto accadere? A fallire sono state le persone, le istituzioni o le idee?
Quasi tutte le ricostruzioni, nel tentare di capire che cosa sia andato storto, si concentrano sui sintomi anziché sulle cause. Invece Mervyn King, governatore della Banca d’Inghilterra proprio quando la crisi è scoppiata e protagonista della sua gestione a livello internazionale, va dritto alla radice del problema: questa non è una crisi delle banche o delle politiche – nonostante il sistema bancario debba essere ristrutturato e di certo la politica (economica e non) abbia fatto molti errori – bensì una crisi delle idee. Quegli eventi così ben impressi nella nostra memoria non sono che l’ultima di una lunga serie di crisi finanziarie succedutesi dal Settecento in poi, da quando cioè, con la Rivoluzione industriale, il sistema monetario e bancario è diventato il pilastro del capitalismo moderno. Allora banche e denaro sono stati gli elementi che come per magia ci hanno liberato dalla palude stagnante del sistema feudale; poi si sono trasformati in ingredienti di un miscuglio che ha avvelenato l’economia globale.
Con La fine dell’alchimia Mervyn King segna un punto di svolta: è proprio la terra bruciata da un incendio quella più fertile e adatta ai nuovi germogli. Attraverso le riforme che King propone si può uscire dalla stagnazione, tornare alla crescita, diffondere ricchezza e benessere. Si può e si deve immaginare un futuro migliore per l’economia globale.

Mervyn King è stato governatore della Banca d’Inghilterra dal 2003 al 2013. È professore di Economia alla New York University e alla London School of Economics. Dal 2013 fa parte della Camera dei Lord britannica.